Fratelli Alinari - Firenze
Cerca in Alinari.it
Cerca in Alinari Shop

  Italiano  |  English  


Tutte le News
Visita guidata allo stabilimento storico Alinari
Firenze, martedì 26 settembre
LYDA BORELLI PRIMADONNA DEL NOVECENTO
Venezia, fino al 15 novembre
Prorogata Robert capa
fino al 26 novembre 2017
Robert Capa in Italia
Trieste, 27 maggio > 26 novembre
AnimAlinari
Cisano di San Felice del Benaco (BS), 1 luglio > 1 ottobre
Torino 150 anni fa. La città reinventa la sua immagine.
40 fotografie Alinari raccontano Torino che entrò nella Belle Epoque
Tiziano. Le botteghe e la grafica
L'articolo del Giornale dell'Arte
Imperdibile Marilyn
Donna, mito, manager
Roma fino al 30 novembre
HENRI CARTIER-BRESSON fotografo
A San Gimignano fino al 16 ottobre
ALINARI IMAGE MUSEUM
Aperto a Trieste al Castello di San Giusto
Resta aggiornato
per ricevere le novità
VISITA LO STABILIMENTO STORICO FRATELLI ALINARI
Le visite sono organizzate solo per gruppi
 
LYDA BORELLI PRIMADONNA DEL NOVECENTO

Venezia
Palazzo Cini
Dal 1 settembre al 15 novembre
Dalle 11 alle 19
Chiuso il martedì

Evento di punta all’interno del ciclo di attività legate alla riscoperta della figura dell’attrice Lyda Borelli (1887-1959), la mostra Lyda Borelli primadonna del Novecento è curata da Maria Ida Biggi, direttrice dell’Istituto per il Teatro e il Melodramma, e allestita nella cornice della casa-museo di Palazzo Cini a San Vio. Attraverso una straordinaria galleria di fotografie e di rari documenti d’archivio, l’esposizione si propone di raccontare la vicenda artistica di una delle più affascinanti attrici italiane del primo Novecento, dai grandi successi sui palcoscenici d’Italia e del mondo, sino al trionfo nel cinematografo. Figlia d’arte di Napoleone Borelli e Cesira Banti, Lyda frequenta il palcoscenico sin da bambina, debuttando nel 1901 al fianco di Virginia Reiter. Dal 1903, anno del suo ingresso nella Compagnia di Virgilio Talli, fino al ritiro dalle scene del 1918, Lyda Borelli è l’acclamata protagonista di testi teatrali di successo firmati da autori quali Gabriele D’Annunzio, Oscar Wilde e Sem Benelli, e lavora accanto ai più importanti interpreti del suo tempo. La sua immagine di attrice teatrale preannuncia quell’icona liberty di stile e di eleganza che, con le successive interpretazioni cinematografiche, si imporrà all’attenzione di un pubblico più vasto.

Vai al catalogo della mostra